01
mar-2014

Toscana e Agricola San Felice: accoppiata vincente!

Cibo e Vino, Turismo in Toscana   /   Tags: , ,

Agricola-san-felice

Cominciamo un viaggio insieme: Italia. Toscana. Castelnuovo Berardenga.
Nel cuore del Chianti, su un colle a 350 metri sul mare, in un panorama che ci accoglie tra boschi, ulivi secolari e filari di ricolmi di uve. Questo è Borgo San Felice.
Un luogo da godere in ogni sfumatura: soggiornando in una delle splendide stanze del Relais & Chateaux ricavato dagli ambienti dell’antico borgo, ed assaporando i frutti dei vigneti ed uliveti che decorano le colline tutt’intorno.
A declinare i sapori e i profumi di questa terra, l’Azienda Agricola San Felice. Non solo una florida realtà agricola, ma un progetto complesso, che ha trovato una nuova spinta nell’organizzazione del Gruppo Allianz S.p.A.
Si apre così la serie di articoli destinati a svelare i segreti dell’Agricola.
Oggi scopriamo insieme i primi passi nella storia di questa realtà e la filosofia alla base del progetto…

vitiarium-borgo-san-feliceUn pò di storia

Borgo San Felice, un’origine etrusca e libri di storia che ci raccontano di un  luogo teatro delle lotte tra Siena e Firenze lungo tutto il Medioevo.
La trasformazione del Borgo in Pieve nel 998 la rende una delle più antiche chiantigiane: San Felice in Pincis, consacrata al martire San Felice da Nola.
I possedimenti di terra tutti attorno, oggi curati con passione dall’Agricola San Felice, hanno seguito le sorti del Borgo, passando da amministrazioni religiose a quelle di eminenti famiglie locali: tra le più importanti, i Del Taja, fondatori del nascente Consorzio Chianti Classico, ed alla guida dell’azienda fino alla prima metà del ’900.
Il periodo di buio del secondo dopoguerra viene superato con l’acquisizione dell’Azienda da parte della RAS. Dal 1978 prende avvio la ristrutturazione dell’Azienda sotto la guida di Enzo Morganti, grande esperto del vitigno Sangiovese.
E’ il passaggio ufficiale dalla quantità alla qualità.
E’ l’inizio della ricerca verso l’eccellenza e l’innovazione, marchio di identità dell’Agricola San Felice.

Agricola-san-felice

Uno sguardo sull’Agricola

Territorio, ricerca, sperimentazione.
Queste le parole chiave del percorso che l’Agricola San Felice ha deciso di seguire.
Per curare il patrimonio naturale, valorizzare la tipicità dei prodotti e perfezionare le tecniche di lavorazione.
Con un un unico obiettivo: superare una visione che punta alla quantità della produzione e accogliere una prospettiva di qualità.
Un progetto tutt’altro che facile, ma che anni di impegno hanno fatto fruttare sotto ogni aspetto, dalla coltivazione alla vinificazione.

  • La cura delle tenute ha reso il terreno ospitale e recettivo.
  • La ricerca e la sperimentazione hanno trovato nel Vitiarium un terreno fecondo e denso di soddisfazioni.
  • La ristrutturazione delle cantine e l’ottimizzazione della filiera di produzione ha portato all’eccellenza della vinificazione.
  • La raccolta delle olive e la frangitura in giornata nel frantoio della tenuta ha prodotto varietà di olio extravergine San Felice di grandi soddisfazioni.

Tutto questo, unito ad una direzione lungimirante ed alla competenza del personale, ha portato l’Agricola San Felice a declinare la produzione vinicola in ben 15 diverse etichette pluripremiate a livello internazionale, dal celebre Chianti Classico Riserva “Il Grigio” sino ad arrivare al “Quercione”, Brunello di Montalcino Riserva DOCG.
I profumi della Toscana sono racchiusi nella passione e nelle bottiglie dell’Agricola San Felice: provare per credere.

E allora non resta che immergersi nell’incanto dell’antico Borgo San Felice ed organizzare una visita alle cantine dell’Azienda Agricola, per degustare le etichette dei nobili vini e dei pregiati olii San Felice!

0

 ama / 0 Kommentare
Condividi questo post:

Archivio

> <
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec
Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec